Diluiamo l’estate con… i Blonde Brothers! (Intervista)

Luca (a sinistra) e Francesco (a destra) Baù 


–          Ciao! Iniziamo dalla presentazione!

–         Ciao a tutti! Siamo due fratelli, Francesco e Luca Baú, in arte Blonde Brothers.  Fin da piccoli abbiamo nutrito una forte  passione per la musica, grazie alla quale abbiamo l’onore e l’opportunità di comunicare. Ciò è possibile grazie anche  alla composizione di canzoni, che partono dall’esperienza della nostra vita, ma che diventano poi l’esperienza di ognuno di noi… 

–          Che tra l’altro è la cosa più importante! La musica sarebbe semplice estetica e non si trasformerebbe in arte pura se non ci fosse alla base l’obiettivo di trasmettere ed insegnare qualcosa! Ma quando e in che occasione avete iniziato veramente a fare musica?

–          Abbiamo iniziato a fare musica insieme dai tempi delle superiori, anche se all’inizio suonavamo in  due gruppi diversi. Francesco suonava Punk, io (Luca) Hard Rock.Ma quando ci sedevamo sul divano di casa per condividere la nostra passione comune tutto diventava molto country.  Ci piaceva giocare tra qualche accordo di chitarra e inserendo delle melodie inventate. È proprio in questo modo, incastrando doppie voci e accordi, che sono nati i Blonde Brothers!

–          Avete una “doppia” fortuna: la prima, che è quella della passione per la musica, e la seconda, che è quella di poterla condividere con una persona così vicina a te: un membro della famiglia! A proposito di famiglia … C’è stato qualcuno che vi ha trasmesso questa passione, ad esempio i vostri genitori o qualche persona più o meno vicina a voi, oppure avete scoperto da soli questa bellissima arte?

–          Abbiamo iniziato a suonare perché il nostro coetaneo vicino di casa Patrick voleva imparare a suonare la chitarra, ma la mamma Fiorella voleva degli amici che gli facessero compagnia. Così quasi per gioco abbiamo iniziato con il nostro primo maestro:  Paolo Bonomo, bravissimo musicista, che è riuscito a trasmetterci il suo grande amore per la musica!

–          Prima avete menzionato il fatto che suonavate generi diversi. Immagino dunque che vi ispiriate ad artisti differenti…

–          Abbiamo molti miti e nessuno più importante di un altro perché amiamo mescolare vari generi musicali e ognuno di questi  ha degli artisti simbolo e volti nascosti che hanno fatto la storia. Ci vengono in mente nomi come  America, Simon And Garfunkel, Lucio Battisti, Nomadi, De Andrè, Pink Floyd… potremmo andare avanti all’infinito! 😅

–          Un bel mix musicale! Ma se doveste scegliere un artista con cui duettare, chi sarebbe e avete già avuto modo di collaborare con altri musicisti?

–          Sì! Abbiamo suonato a Los Angeles con Tim Reynolds della Dave Mattews Band. Sin da subito abbiamo sentito un feeling molto famigliare per l’approccio musicale che troviamo molto vicino al nostro mondo (essendo amanti del Sound Country e Folk). Per quanto riguarda le collaborazioni a cui aspiriamo, ci piacerebbe tantissimo duettare con Jack Savoretti. È  un artista internazionale e lo troviamo molto vicino a noi sia come stile che come immagine.

–          E io vi auguro di riuscire a creare qualcosa con lui! Ma parliamo di ciò che avete già realizzato, ossia l’ultimo singolo, “Diluire l’estate”. Di cosa parla?

–          L’estate è meravigliosa… proprio per questo sarebbe il caso di… “Diluirla”… farla durare di più…“il tempo felice si vive in un lampo e si ricorda per sempre”.

–          Le cose belle, purtroppo, durano quasi sempre poco … . Che mi dite invece degli altri singoli (per saperne di più andate su http://www.blondebrothers.com/)? Ad esempio, qual è quello che vi rappresenta di più?

–          Quello che deve ancora uscire! Siamo sempre proiettati al futuro… le canzoni che abbiamo scritto sono come delle figlie che hanno imparato a camminare. La voglia è sempre quella di scoprire nuovi lidi musicali che ci facciano scavare al nostro interno e dentro ad ogni vita…

–          Perché non si finisce mai di imparare e di fare nuove esperienze, come quella a “The winner is”, programma su canale 5 diretto da Gerry Scotti.

–          “The Winner is”! Fantastica esperienza… ci ha permesso di entrare nelle case degli italiani e non solo… ringrazieremo per sempre tutto lo staff e Jerry Scotti: ci siamo sentiti a casa! Il programma ci ha aiutato molto a migliorare la gestione delle emozioni, in questo caso molto forti, dato che ci stavamo esibendo davanti ad un pubblico nazionale, e ci ha permesso di aumentare la nostra autostima (che sia chiaro, puntiamo molto in alto, ma restiamo sempre con i piedi ben saldati a terra!).

–          Ma questo non è stato l’unico tentativo, perché nel 2015 avete partecipato ai casting di Amici! Mi viene allora spontanea una domanda che mi piace fare agli artisti che intervisto: cosa ne pensate dei talent show?

–          I Talent Show ti danno una grande visibilità; aiutano a creare il personaggio e ti permettono di  farti notare da  così tante persone che forse neanche in tutta la vita riusciresti a raggiungere. Ma la più grande sfida è farti ascoltare per la tua musica, non cadere nelle banalità della sola estetica del personaggio, senza mettere in luce la persona,  e per questo ci vuole un lavoro più complesso. Il talent può aiutare, ma non è tutto… Devi essere tu a farti le ossa mettendoti in gioco e in discussione ogni giorno, e per fare questo devi essere genuino, altrimenti non vai da nessuna parte.

–          Perfettamente d’accordo! La genuinità è parte fondamentale in un artista! È facile essere personaggio, ma non persona, semplice cantante da karaoke e non vero artista. Riprendendo il discorso precedente sulle vostre esperienze, ho visto che avete partecipato al programma “La vacanza perfetta”, il cui scopo principale non è certo l’esaltazione del talento musicale. Com’è stato approcciarsi a questo nuovo mondo?

–          Quando si va in tv è sempre molto divertente… ne ‘’La vacanza perfetta” abbiamo incontrato uno staff molto forte all’opera che spesso era in esterna e non in uno studio televisivo. È stato bello vedere dei professionisti all’opera in un ambiente diverso da quello a cui eravamo abituati… per noi è stata un’ulteriore occasione per essere sempre più noi stessi davanti al grande schermo della tv nazionale.

–          Ebbene sì! Anche questo fa parte della crescita artistica e interiore! Concludiamo  questa “breve” intervista con un’ultima domanda: quali sono i vostri progetti futuri (oltre alla collaborazione con Jack Savoretti, di cui abbiamo parlato precedentemente)?

–          Stiamo realizzando il nuovo album con il bravissimo produttore Alberto Rapetti. Abbiamo poi intenzione di organizzare varie collaborazioni con Dj; abbiamo in mente anche altri progetti che per ora sono Top Secret. Quindi, se volete scoprirne di più, STAY TUNED!

–          Of course! Grazie mille ragazzi per avermi permesso di scambiare due (anche più) chiacchiere con voi! Buona fortuna per tutto! A presto!

–          Grazie a te! A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...