Gli uomini cantano quando le parole non bastano … (Intervista a Valy Elle)

“Gli uomini cantano quando le parole non bastano, quando non riescono a dirle, forse perché da sole sarebbero persino ridicole”. Inizio quest’articolo con le bellissime parole di Roberto Vecchioni.

Come ogni lunedì, anche oggi pubblico un’intervista ad una professionista che stimo tanto. Sto parlando di Valy Elle, vocal coach e corista del grande Roby Facchinetti.

Non aggiungo altro. Buona lettura!

Ciao! Presentati.

Ciao a tutti!  Mi chiamo Valeria Caponnetto Delleani, molti mi conoscono come Valy Elle grazie al mio blog sul canto e al mio canale youtube… e mi occupo di voce a 360 gradi!

Come cantante sono attualmente in tour con Roby Facchinetti e come vocal coach mi divido tra la mia scuola di canto a Torino che si chiama Vocalstudio e la mia attività di vocal coach online su valyelle.com dove si trovano consigli e servizi per cantare meglio e tirare fuori il meglio dalla propria voce.

Tua mamma è cantante, è stata lei ad indicarti questa strada. Questo ha mai condizionato il tuo percorso di crescita e i tuoi gusti oppure sei sempre stata indipendente?

Certamente essere figlia di una cantante ha avuto la sua importanza… mia mamma mi ha fatto giocare con il microfono, prima ancora di aver imparato a camminare! 

E dico “giocare” non a caso, perché il tipo di educazione vocale che ho ricevuto è stata davvero quella di “giocare” con la voce, usandola come uno strumento, con curiosità e sempre sperimentando cose e generi diversi.

Mia mamma d’altra parte è una vera sperimentatrice musicale… è stata molto conosciuta prima come vocalist dei Circus 2000, un gruppo Prog- Rock anni 70 e successivamente come Vocalist delle Streghe, un gruppo vocale Italo-Disco anni 80, ospite fisso del programma televisivo “Domenica in”. 

E’ stata anche corista di brani storici come “Amor mio” di Mina e di artisti come Celentano e altri grandi… Mi ha insegnato a non fermarmi ad un genere o a uno stile, ma a spaziare dall’opera al rock, al jazz, eccetera, spingendomi a migliorarmi sempre di più. Ho cantato sempre di tutto e devo ringraziare mia mamma per questa educazione musicale fuori dagli schemi e molto libera, che mi ha fatto appassionare alla voce come strumento, vedendolo un po’ come un diamante dalle mille sfaccettature. 

Naturalmente ho i miei gusti e le mie preferenze, che si sono formate con il tempo. Io e mia mamma condividiamo la passione per la musica italiana degli anni 60, per il jazz, per la voce lirica, per il Rythm n’Blues, ma ciò non  preclude il fatto che possa avere gusti miei personali…

Ma in che dimensione ti trovi più a tuo agio, qual è il tuo “habitat naturale” ? Quali i tuoi artisti di riferimento?

Amo molte cose appartenenti a mondi musicali e periodi diversi… anche qui amo spaziare. Andiamo dalla Callas ai Guns n’ Roses, a Jeff Buckley… dalle grandi voci del Jazz come Ella Fitzgerald e Sarah Vaughan, alle regine dell’ R’n’B mondiale come Aretha Franklin e Whitney Houston. Amo la musica di Morricone, Bacharach e Cole Porter.

Però devo dire che le due artiste che ho ascoltato di più e che ho amato in modo particolare sono la grandissima Mariah Carey e la mitica Tori Amos. Tra i nuovi artisti, una voce che sto seguendo e di cui ho parlato spesso nelle mie vocal coach reaction su youtube, è quella di questo cantante straordinario Kazaco, Dimash Kudaibergen, che con più di 6 ottave di estensione mischia la vocalità classica, con il rock, con i canti tradizionali… insomma anche qui, la fusione di generi e la qualità sono il tema ricorrente.

La tua grande passione per la musica e il tuo talento ti hanno portato ad incrociare la strada di grandi artisti, come Roby Facchinetti, Tommy Emmanuel e Dodi Battaglia. Raccontami di questo percorso.

Mi ritengo molto fortunata per queste collaborazioni… artisti straordinari che hanno fatto la storia della musica.

Diciamo che il mio percorso musicale, come per molti della mia generazione, è fatto di tanta gavetta e poi, naturalmente, di conoscenza nell’ambiente musicale che vengono coltivate negli anni. Con Roby, ho saputo che era in cerca di una soprano alla Morricone, per realizzare alcuni pezzi del suo progetto solista “Ma che vita la mia”. Stava lavorando in uno studio a Torino e così ho ricevuto una convocazione per una prova… è andata bene e così è cominciata una delle collaborazioni più belle di questi anni, che ci vede ancora insieme sui palchi italiani per i vari tour che vedono protagonista la sua musica. E’ nata anche una grande amicizia, condivisa con il mio compagno Danilo Ballo, arrangiatore dei Pooh nei loro ultimi 16 anni di carriera.

Di seguito a questa collaborazione sono poi nate anche quelle con Dody e Tommy per il tour 2015: suonare con due chitarristi di questo calibro è una scuola di per se e ti arricchisce incredibilmente!

Sei molto celebre ed apprezzata su Youtube, piattaforma digitale di cui ormai, pure i più piccoli, usufruiscono. Cosa ti ha spinto a fare video su tutto ciò che concerne la musica, dalle tecniche canore fino alla presenza scenica?

Volevo condividere con più persone possibili questa mia enorme passione per la voce e mettere a disposizione le mie conoscenze vocali per chi ama cantare ad ogni livello e magari non ha i mezzi per poter approfondire. Oltre ai video tutorial sul blog si possono scaricare anche contenuti gratuiti, come per esempio un video training sulla respirazione diaframmatica per cantanti (https://www.valyelle.com/respirazione/) ed è qualcosa di davvero unico in Italia.

Mi rende felice aver creato un punto di riferimento italiano per il canto sul web accessibile a tutti, da cui poi, per chi lo desidera, si può approfondire con me attraverso corsi online e lezioni anche su Skype.

Hai dato vita a Vocalstudio, scuola di canto moderno a Torino e Sing Different Academy, la tua Accademia di canto online. Qual è l’elemento fondante del tuo progetto? Cosa trasmetti ai tuoi “alunni”?

Come dicevo precedentemente, tutto nasce da una grande passione e una ormai, lunga storia d’amore con la voce, fatta di curiosità, studio ed esperienza. Il canto per me è una fiamma che non si spegne mai e anche una terapia, che mi permette di liberare le mie emozioni, di portarle agli altri. Il canto è anche benessere, ormai la scienza ha provato anche questo… quindi c’è bisogno di cantare ancora di più!

Ai miei alunni cerco di trasmettere tutto questo, la voglia di avventurarsi nella propria voce e giocare sperimentando, ma anche l’idea che la voce in definitiva siamo noi… e cantare è anche un percorso di conoscenza di sé, con tante sfide da affrontare. 

E poi cerco di far capire che la voce è uno strumento, e come tale ha bisogno di tanto studio e dedizione. Non ci si improvvisa cantanti, come invece spesso  tante proposte imbarazzanti e improbabili che arrivano dalla radio e dalla tv potrebbero spingerci a credere… .

Purtroppo molto spesso ci si fa imbambolare dalla facciata, fatta solo di riflettori e di fama, che i media ci mostrano tutti i giorni, senza far trasparire tutto il sudore che c’è dietro ogni progetto. Probabilmente anche per questo motivo ci sono tanti cantanti da karaoke e pochissimi VERI ARTISTI.

Ti faccio un’ultima domanda: quali sono i tuoi progetti futuri (piccolo spoiler)?

I miei progetti futuri, oltre a portare avanti il mio blog su valyelle.com e il mio canale youtube, con consigli sul canto e su tutto quello che gira intorno al mondo di un cantante, riguardano la creazione di nuovi corsi online su argomenti molto richiesti, ad esempio quello sul riscaldamento vocale (corso in arrivo!), con delle vocal routine pronte che contengono i migliori esercizi della tecnica vocale moderna. Poi ci sono le lezioni su Skype per chi non è di Torino e quindi non può raggiungermi in studio, a cui si può accedere dal mio sito. E poi in arrivo eventi e seminari per chi mi segue e vuole portare la propria voce ad un livello superiore!

Ti ringrazio tanto per la tua disponibilità. È stato davvero un onore poter parlare con una professionista come te. Grazie mille!

Grazie a te! Mi fa piacere dedicare del tempo a chi nutre una profonda passione nei confronti di quest’arte magica: la musica! Un bacio!

“The Urban Pop Diva” (English interview to Eliza G)

Buonasera.

La scorsa settimana ho pubblicato l’intervista all’artista Elisa Gaiotto, in arte Eliza G (https://passionfor.music.blog/2020/02/17/the-urban-pop-diva-intervista-ad-eliza-g/). Dato il suo enorme successo riscontrato all’estero, ho pensato di rendere quest’intervista più “internazionale”: ho deciso, infatti, di tradurla in inglese, considerata ormai la lingua “mainstream” per eccellenza. Inoltre, con questa scusa faccio l’utile e il dilettevole, dato che studio lingue!

Detto ciò, vi lascio all’articolo. Buona lettura!

<–>

Hello everybody!

I’m Adry Pitty and this is my blog, in which I write about my passion for music. I also love talking with artists who live of music, my first love.

In this article you find my interview to Eliza G, an Italian singer and a very famous artist abroad.

Hope you like it!

Hi! Tell us who you are!

Hello everybody! I’m Elisa Gaiotto (my stage name is Eliza G).  My career as a solo singer has started ten years ago with Roberto Zanetti, a fantastic music producer (he also co-operated with Alexia and Corona). Thanks to my hard but wonderful work I had the opportunity to travel around the world, from Brazil to Switzerland, England, as far as Spain. I started making pop- dance music, but when I was 14 I had already begun to be in touch with all the music genres. I took part of a band making rock, acoustic, funky music. In short, I liked (and I still like) trying to “play the game”! The pop-dance way brought me out of Italy, and made me become famous abroad. But this wouldn’t have been possible without the help of my actual manager Saint Paul.

This year my last album, Ninety, has been put out (https://www.youtube.com/watch?v=UuDXMg7ukIw&list=OLAK5uy_lTAG3XN4GhuFbPfbs2L-SIshCWilx6ikk). I was lucky to present it during my concerts in different countries, as Brazil!

It’s something crazy! Now, tell me about your songs. With “Summer Lie” (2009) and “Love is unbound” (2011) you have been at the top of the international ranking. Moreover, in 2012 we have “My love is love” (by Giancarlo Bigazzi, a very famous songwriter, music producer and lyricist), in 2013 “The way”, produced by David Guetta. What did you feel when you realized you would have cooperate with those “big” (important) artists?

So, as regards “The way”, I didn’t directly cooperate with David Guetta, due to the fact that his recording studio stands in Paris. It was a very successful song, with 10.000 pre-sale copies sold. Although that, I’m really disappointed, because it often happens that an Italian singer has to go away from his/her country to become famous. Expecially my first single tracks told me the opportunity to go to the South of America. Here I attended to different important festivals, I worked together with different radios and local tv programs. I “dived into” a very different world, which has been erased when I went back to Italy, where I sang in front of 50/100 people into clubs and pubs with my band (naturally I am always thankful to life to do what I love, even for few people).

And this is the weak point of the Italian music. Italy often focuses on the international music, not giving any importance to its culture, crossing out any form of patriotism.

This is an absurd contradiction, because Italy is the country “par excellence” of the culture and the arts.

Italian people have lost positivity. This because there are very few possibilities to make music and live for it; moreover, this opportunity is given to “pre-chosen” people. I repeat, I’m very grateful to make this work, but it’s also true that we have to make the truth at the first place: why living of illusions, fantasy?

We are afraid to say: “I’m Italian!”. Why? When people discovered I was Italian, their eyes have become shiny!

Very probably this is caused by the widespread ignorance throughout the Italian people. If we don’t know our origins, our culture, we can’t appreciate them; on the contrary, we’ll always be afraid. If we only learnt  to speak less and hear more, we would understand how to open our mind to foreign culture without being frightened.

Absolutely yes! It’s an endless cultural giving and receiving. Moreover, knowing other cultures, you can learn to appreciate more yours!

As you have just said, sometimes  Italian people are wiseacres, so critical towards others and too little towards them. Italian people (I’m generalizing) tend to put their enemies in trouble. On the contrary, the collaboration in the other countries is awesome!

When I attended to the “Cerbul de Aur” festival, the third most important event in Europe after the Eurovision (which I had the luck to win),  there was a very friendly atmosphere between us. We were as a family!

In Latin America you are called the “Urban Pop Diva”. Although that, you decided to go back to Italy to attend to “The voice of Italy”. You had the opportunity to grow up artistically thanks to the help of the coach Gigi D’Alessio, a really professional singer.

Of course! Well, first I have to tell you that I didn’t know if it was better not to make this experience. I was afraid to make some mistakes and ruin all the work I had done in all those years. I attended to the Blind Auditions, and all the four judges turned themselves towards me! (Video of the whole exhibition:  https://www.youtube.com/watch?v=3w1-lXx8bRE). I was so happy, especially that Gigi had turned! I have always thought he was a very cheerful and purposeful person; my expectations became reality! He was always available for advices, and he saw all my practices for the show. For me, this was the sense of The Voice! This is my fondest memory of the Tv program!

You are a very humble person, you never settle for what you have learnt, but you have a lot of thirst for knowledge!

In life you’lle never stop learning! It’s a non-stop growth, and this can be applied for any kind of work!

Tell me another thing (just curious!): there has been somebody who told you to start this “journey”, or you have always been independent and headstrong to be able to make this all alone?

Well, I start saying that, in contrast with a lot of artists, my family there is nobody playing any instrument or singing. When I was 8, a friends’ daughter played piano, so I decided to tell my parents to attend to a piano course. For a few years I studied classic music. When I was 13-14, I understood I wanted to make something different. For this reason I decided to make part of the band of the high school, and it was in this situation that I started singing, due to the fact there wasn’t any singer. My first song was “Animal instinct”, by Cranberries (1998): in that moment my crazy adventure began. I was the only girl, so they treated me as a boy: I loaded the equipment up and down, I learnt how to install the amplification.

My parents have never realized how my passion was born: maybe my grandpa “gave” me this talent (he played the trump in the town band (it was his passion, not his work). Although that, my parents have always support me, and I will always be grateful to them for that!

Not everybody has this luck! The last question: your dream-feature and your next projects (little spoiler!).

I really listen to all kinds of music, so I don’t have a real favorite singer with whom I would like to sing. If I have to mention an international artist, I adore Lady Gaga, so she would be my first choice. As Italian artists, I have “old-school” tastes: I like so much Nek and Negramaro, so I would prefer to make rock music!

As regards the next projects, I can tell you that I will be in different Tv shows. I’m working to different things that have to be top secret until they won’t be certain, but I can tell you I have a lot of things on my plate!  

Perfect! So we’ll follow your social profiles to discover what you’re hiding! I know you’re really busy, so I really thank you for this interview and for time spent for me!

It was my pleasure! You have been so cute! Bye!

“The Urban Pop Diva” (Intervista ad Eliza G)

La passione per la musica può essere così forte da non farti quasi dormire la notte; ti perseguita fino a che non diventa la tua quotidianità. Bisogna essere disposti a fare molti sacrifici per far diventare il proprio sogno realtà, anche andare all’estero ed allontanarsi dalla propria amata terra. Ed è proprio questo ciò che Elisa Gaiotto, in arte Eliza G, ha fatto; perché molto spesso l’Italia non riconosce la stoffa, costringendo molti ragazzi talentuosi a scappare in altre nazioni per crearsi un futuro migliore.

Vi lascio la mia video-intervista e, spostando la barra di scorrimento verso giù, trovate l’intervista scritta. Ho deciso di presentarvi entrambe le varianti d’intervista per permettere a chiunque e in qualsiasi momento di leggere/ascoltare le mie chiacchierate con questi artisti eccezionali!

Se volete, potete lasciare un commento. Mi piacerebbe tanto leggere cosa ne pensate del mio progetto blog.

Detto ciò, buona lettura/visione!

Ciao! Presentati!

Sono Elisa Gaiotto, in arte Eliza G. Ho voluto mantenere il mio nome di battesimo, ma l’ho reso un po’ più “internazionale” , nel momento in cui è iniziata la mia carriera da solista dieci anni fa con Roberto Zanetti, l’ex produttore di Alexia e Corona. È stato un percorso faticoso, ma meraviglioso, che mi ha portato a visitare tante parti del mondo, dal Brasile alla Svizzera, l’Inghilterra, fino in Spagna. Ho iniziato nel settore pop dance, ma fin dall’età di 14 anni ho sperimentato tutti gli stili. Avevo una band con cui facevo rock, acustico, funky … insomma, mi piaceva (e mi piace ancora oggi) molto sperimentare.  Questo percorso pop dance è proseguito negli anni in maniera un po’ più fruttuosa all’estero rispetto all’Italia, grazie al mio attuale manager e produttore Saint Paul. Quest’anno, è uscito il mio nuovo album, “Ninety” (https://www.youtube.com/watch?v=UuDXMg7ukIw&list=OLAK5uy_lTAG3XN4GhuFbPfbs2L-SIshCWilx6ikk), che ho avuto l’immensa fortuna di presentare durante il mio live in diversi Paesi, tra cui il Brasile.

Con “Summer lie” (2009) e “Love is unblound” (2011) hai cavalcato le classifiche internazionali. Inoltre, nel 2012 è uscito “My love is love” (del Maestro Giancarlo Bigazzi), nel 2013 “The way”, prodotta da David Guetta. Che emozioni hai provato a collaborare con professionisti di tale calibro?

Allora, per quanto riguarda il brano “The way”, è stato lavorato tra l’Italia e lo studio parigino di David Guetta, quindi non è stata una collaborazione diretta. È stato un singolo di successo, con 10.000 copie vendute solo in prevendita. La cosa che mi da un sorriso amaro è il fatto che la musica prodotta in Italia molto spesso (e il mio caso è perfetto) per avere successo debba essere inevitabilmente esportata all’estero. Soprattutto i primi singoli mi hanno aperto la strada verso il Sud America, in cui ho partecipato a festival importanti, ho collaborato con diverse radio e televisioni locali, ho fatto anche tanti concerti. Mi sono dunque trovata catapultata in un mondo totalmente diverso, mondo che veniva “infranto” oserei dire nel momento in cui tornavo in Italia, nel senso che ricominciavo a fare serate più intime, da 50/100 persone, in club e pub vari con la mia band (naturalmente sempre con grande soddisfazione ed umiltà).

Ed è proprio questo il punto debole della musica italiana. In Italia non ci si rende conto del talento nostrano, ma si guarda con più esuberanza alla musica internazionale, cancellando ogni traccia di orgoglio nazionale.

Che tra l’altro è una contraddizione pazzesca , perché l’Italia è il Paese per antonomasia dell’arte, della cultura. Questo perché non le si guarda con positività. Purtroppo, ci sono pochi spazi, e questi spazi (è brutto da dire, ma è la verità) sono “predestinati”, ricoperti sempre da una solita cerchia. Ripeto, non sputo sul piatto in cui mangio, però è anche giusto dire le cose come stanno e non vivere nel Paese dei Balocchi: noi italiani sbagliamo a valutare noi stessi, perché all’estero l’Italia è vista come la nazione più “wow”! Noi abbiamo paura di dire che siamo italiani, quando invece durante i miei concerti all’estero, nel momento in cui si scopriva che ero italiana, a tutti brillavano gli occhi.

Questo probabilmente perché c’è troppa ignoranza e troppa poca cultura. Non conoscendo il nostro passato e le nostre capacità, è ovvio che ci sottovalutiamo. Solo conoscendo la “farina del proprio sacco” si può imparare a guardare alle altre culture con la giusta apertura mentale.

Assolutamente sì! È uno scambio e un arricchimento continuo perché, conoscendo le altre culture, impari ad analizzare ed apprezzare maggiormente la tua!

A parer mio, il problema dell’italiano medio è la sua saccenteria, il suo essere molto critico e poco autocritico. Non si osserva, non si guarda all’altro con curiosità per migliorare ancora di più se stessi, ma si tende ad affossare il “nemico”. Posso dire che lo spirito di collaborazione che c’è fuori è assurdo! Per mia grande sorpresa, sono stata scelta tra i 12 partecipanti provenienti da tutto il mondo al “Cerbul de Aur” (Cervo d’Oro in italiano), che sarebbe un equivalente del nostro Festival di Sanremo, il terzo festival più importante in Europa dopo l’Eurovision, e con mio grandissimo stupore ho vinto il Festival. Ti posso dire che lo spirito di aggregazione tra noi artisti e con il team che lavorava con loro è stato qualcosa di grandioso.

Non per niente in Latino America  sei chiamata la “Urban Pop Diva”. Nonostante questo, però, hai deciso di tornare in Italia per partecipare a “The voice” e di crescere artisticamente assieme al coach, nonché al grandissimo artista Gigi D’Alessio (ti confesso che quand’ero bambina era il mio idolo). Al di là del genere che può piacere o meno, ha una professionalità assurda (non per niente ancora oggi è un cantante di successo).

Allora, intanto devo confessarti che all’inizio non avevo considerato quest’opportunità, perché non mi andava molto a genio l’idea di partecipare ad un talent show. Successivamente, ho pensato di partecipare a quello che  mi sapesse più di tutti di musica, appunto, The Voice. Quando ho scoperto di aver passato il primo provino, e che quindi avrei dovuto affrontare le Blind Auditions (video esibizione: https://www.youtube.com/watch?v=3w1-lXx8bRE), sono andata lì senza alcuna pretesa; addirittura con un po’ di incoscienza perché rischiavo di rovinare anni di carriera se avessi fatto una brutta figura. Invece, con mia grande sorpresa, si sono girati tutti e quattro i giudici. Io speravo fin dall’inizio che si girasse almeno Gigi, perché ha una competenza musicale infinita, e inoltre mi ha sempre dato l’idea di essere una persona propositiva e solare, e in  effetti è stato proprio così! Una persona squisita, semplice, che mi ha aiutato tanto, e soprattutto una persona pratica. C’era sempre, anche durante le prove, anche quando non era tenuto ad esserci, in sala prove; per me è stato quello il senso di The Voice!

È proprio bella quest’umiltà che hai, perché nella vita non si smette mai di imparare!

Quando eserciti un qualsiasi mestiere, che sia o artistico, o imprenditoriale, comunque cerchi di prefissarti degli obiettivi a breve, medio e lungo termine, e cerchi passo passo di raggiungerli. Quindi non si finisce mai di imparare, è una crescita continua, ed è proprio questo il bello!

Toglimi una curiosità: c’è stato qualcuno che ti ha spinto ad intraprendere questa strada o hai fatto tutto da sola?

Allora, intanto preciso che la mia non è una famiglia di musicisti, come di solito si sente dire da molti cantanti. A 8 anni la figlia di amici studiava pianoforte, quindi ho deciso di chiedere ai miei di iscrivermi ad un corso di pianoforte. Per un po’ d’anni mi sono dunque dedicata allo studio della musica classica. Arrivata ai 13-14 anni ho capito che volevo far altro, allora ho deciso di iscrivermi alla band d’istituto delle scuole superiori come tastierista, ma mi sono cimentata nel ruolo di cantante dato che c’era questa carenza. La prima canzone che ho cantato è stata “Animal instinct” dei Cranberries (1998); da lì è iniziato tutto. Ero l’unica ragazza, quindi mi trattavano come un maschio, caricavo e scaricavo l’attrezzatura, montavo l’amplificazione, ho imparato molto da quell’esperienza.

I miei genitori sono sempre rimasti perplessi di questo mio talento; forse avrò preso dal nonno, che suonava la tromba nella banda del paese, ma non era il suo mestiere. Nonostante ciò, mi hanno sempre appoggiata, anzi, mi hanno incoraggiata ogni volta.

Bellissimo. Una fortuna che non tutti hanno. Un’ultima domanda: con chi ti piacerebbe collaborare in futuro e quali sono i tuoi progetti? (Piccolo spoiler XD)

Io ascolto tanto di tutto, quindi non ho un artista preferito da scegliere. Fanno parte tutti di generi completamente diversi. Come artista internazionale, adoro Lady Gaga, lei sarebbe la mia prima scelta. Come artisti italiani, sono un po’ più “old school”: mi sono sempre piaciuti Nek, i Negramaro, andiamo quindi a toccare il genere rock.

Come progetti futuri, posso dirti che farò un sacco di cose fighe in Romania, tra cui programmi televisivi. Sto lavorando a un po’ di progetti che per ora rimangono top secret, fino a quando non saranno certi, ma posso assicurarti che ci sono tante cose che bollono in pentola! Sono molto positiva!

Perfetto! Allora ti seguiremo per scoprire cosa ci nascondi! Io ti ringrazio per quest’intervista/chiacchierata. So che sei molto impegnata, quindi grazie per il tempo che mi hai dedicato!

È stato un piacere! Grazie a te, sei stata gentilissima e piacevole! A presto!

Vivo per Lei (Intervista a Marco Vito)

Foto presa dal profilo instagram di Marco Vito

“Vivo per lei perchè oramai io non ho altra via d’uscita, perchè la musica lo sai, davvero non l’ho mai tradita. Vivo per lei perchè mi dà pause e note in libertà. Ci fosse un’altra vita la vivo, la vivo per lei.”

Avrete sicuramente intuito a che canzone mi stia riferendo. Questi versi mi fanno venire in mente un professionista che ha deciso di dedicare interamente la sua vita alla musica.

Io con quest’artista ho avuto la fortuna di chiacchierare del suo amore nei confronti di un’arte così attraente ed eclettica. Ecco a voi la mia intervista a Marco Vito, cantante, direttore d’orchestra, musical performer e vocal coach (insomma, poca roba!).

Marco Vito e Riccardo Cocciante (foto presa da Gazzetta del Sud Online – Messina)
Musical “Romeo e Giulietta” (Foto presa da Overblog)

A sedici anni ha già debuttato all’Arena di Verona, e nel 2007 ha ricoperto il ruolo di Romeo nella tragedia shakespeariana Romeo e Giulietta” rivisitata dal grande Riccardo Cocciante. Quando ha iniziato questo percorso, aveva già in mente di continuare con i musical per fare della sua passione una professione, oppure aveva altri progetti per il futuro?

Ciò che succede a 16 anni non puoi prevederlo.

Ero un ragazzo normale che amava studiare e ovviamente cantare, la musica è sempre stata il mio grande amore ma non ero sicuro che sarebbe potuta diventare la mia realtà.

Poi ho avuto la fortuna di incontrare sulla mia strada Riccardo Cocciante che è stato mio maestro di vita, e ha cambiato totalmente il mio modo di vedere la musica. Ho capito che sarebbe stato il mio futuro.

Successivamente, ha avuto modo di diventare vocal coach e collaboratore musicale di diversi programmi TV, come Ora o mai più”, Ti lascio una canzone” e The voice of Italy. Mi racconti brevemente di questesperienza. Cosa si porta dietro?

Amo lavorare dietro le quinte dei programmi tv, lo faccio ormai da più di dieci anni ed ho avuto modo di conoscere tantissimi grandi artisti e confrontarmi con loro. Ho iniziato con il Maestro Leonardo De Amicis e da lui ho imparato tanto. Oggi occuparmi della crescita dei giovani talenti e lavorare alla creazione della loro personalità artistica è ciò che mi dà più stimoli.

Marco Vito direttore d’orchestra ad “Amici” (Foto presa dal profilo instagram di Marco Vito)

Lesperienza più recente la vede direttore dell’orchestra (formata da musicisti giovanissimi) del celebre programma Amicinella sua penultima edizione. Che cosa prova quando sta a contatto con i ragazzi? E soprattutto, com’è stato accompagnare la stupenda e imponente voce del tenore Alberto Urso?

Dirigere l’orchestra di Amici come ho sempre detto, è il coronamento di un sogno. Ho lavorato tanto per riuscire ad essere pronto per un compito così importante e ringrazio sempre della fiducia il Maestro Celso Valli e Maria De Filippi che rischiando hanno scommesso su di me.

Con i ragazzi che fanno parte del programma così come con i miei musicisti, siamo coetanei, ci accomunano gli stessi sogni, le stesse speranze e le stesse paure. Respiriamo insieme la stessa musica e condividiamo la voglia di farne la nostra vita.

Marco Vito e Alberto Urso (Foto presa dalle stories di Marco Vito)

Accompagnare Alberto è stato ancor più emozionante, lo conosco da piccolo, gli ho visto muovere i primi passi in musica tanti anni fa, veniamo dalla stessa provincia. L’ho preparato a “Ti Lascio Una Canzone” nel 2010, ed è stato bello ritrovare lo stesso ragazzo pulito, con un enorme talento, che negli anni ha fatto sacrifici enormi per formarsi e raggiungere questo grande obiettivo.

Tecla Insolia e Marco Vito (Foto presa dalle stories di Marco Vito)

Ieri Tecla Insolia ha debuttato a Sanremo nella categoria Giovani con il singolo 8 Marzo”. Che emozione ha provato nel  leggere il suo nome tra i professionisti che hanno collaborato alla creazione di questo brano così toccante?

Ero stato al festival due volte, ci ho cantato da ospite con Riccardo Cocciante, sono passati dieci anni, e sentir dire il mio nome è stata una soddisfazione che non credevo potesse darmi queste sensazioni. Scrivere per Tecla, con la quale abbiamo condiviso tanto, che ho visto crescere all’Accademia Le Muse di Gianna Martorella di Piombino sua manager, è ancora più emozionante.

Lei ha una grande sensibilità e sa comunicare in modo incredibile anche un testo importante come “8 Marzo” (https://www.raiplay.it/video/2019/12/sanremo-giovani-2019-serata-finale-tecla-insolia-canta-8-marzo-nuove-proposte-sanremo-2020-933e03b8-6412-4c60-9294-5b345f66a2b3.html). Sono fiero di lei e del gruppo di lavoro che segue questo progetto, dall’etichetta Rusty Records agli altri autori oltre che grandi amici con i quali ho il piacere di condividere questa avventura.

C’è un sogno nel cassetto che vorrebbe realizzare?

Vivo di sogni da quando ho iniziato a fare questo lavoro, mi piacerebbe continuare a crescere per dare il massimo alla musica, che mi regala sempre di più di quanto io possa dare a lei.

La ringrazio davvero tanto per la sua disponibilità. Le auguro con tutto il cuore di percorrere la strada che la musica ha tracciato per lei per tutta la vita.

Grazie a te! A presto!

Chi la dura la vince! (Intervista a Mauro Tummolo)

Mauro Tummolo
  • Presentati! (nome, stile musicale, cantante/i di riferimento).
  • Ciao! Sono Mauro Tummolo, cantautore Pop Rock e vengo dalla Basilicata. I miei punti di riferimento artistici sono, senza dubbio, Nek, Biagio Antonacci e, in ambito internazionale, Robbie Williams.
  • Hai già avuto modo di metterti in gioco mediante live e di collaborare con artisti?
  • In 7 anni ho all’attivo oltre 150 Live fatti con la mia BAND (tutta made in LUCANIA) tra Italia, Svizzera e Slovacchia. Ho avuto l’onore di duettare con Stefano Centomo; inoltre, ho aperto concerti di Dodi Battaglia, Maria Nazionale, The Kolors, Neri per Caso e collaborato con Mario Rosini. In più con me hanno suonato in qualche Live (tributando i Modà) i musicisti stessi: Stefano Forcella ,Claudio Dirani e Diego Arrigoni. Recentemente ho preso parte a “Cesko Slovensko Ma Talent”, versione cecoslovacca di “Italia’s Got Talent”, portando su quel palco la musica italiana.
Copertina “Pianeti diversi”
  • Nel 2019 è uscito il tuo singolo “Pianeti diversi” (https://www.youtube.com/watch?v=Rb5aZaCGOGc) ,  che anticipa il nuovo disco in uscita nella primavera del 2020, scritto con Andrea Sandri e vede il prezioso contributo di due straordinari musicisti quali Mario Guarini (bassista che ha collaborato con Claudio Baglioni, Samuele Bersani, Massimo Ranieri, Gino Paoli, Gianni Morandi e tanti altri) e Chicco Gussoni (chitarrista che ha suonato tra gli altri con Lucio Dalla, Nek, Franco Battiato, Mango, Patty Pravo, Eros Ramazzotti). Perché questo titolo, e a chi dedichi questo brano?
  • E’ un po’ come un amarcord degli anni passati che non esistono più. Infatti oggi viviamo in un mondo che corre veloce, frenetico, in cui si è persa completamente o quasi la volontà di fare quelle cose che una volta davano un valore alla nostra esistenza. La canzone infatti inizia con queste parole: “Sai che non ricevo più le tue lettere …”. “Pianeti diversi” proprio perché viviamo in una realtà differente rispetto al passato, da qui i due pianeti, quello che era e quello che siamo diventati.
  • Nel 2019 sono usciti anche “Tutta la notte” (https://www.youtube.com/watch?v=gpcfOOFh-II), che ha riscosso un bel po’ di successo, con 70.000 ascolti su Spotify e “Resterò” (https://www.youtube.com/watch?v=7U6uLsxqaFQ). Da dove prendi di solito l’ispirazione per scrivere i tuoi brani?
  • L’ispirazione è depositata nelle immagini della mia vita vissuta che vivo ogni giorno e in quella immaginaria. A volte scrivo di notte ma anche di giorno o durante i miei viaggi. Catturo soprattutto le emozioni che mi trasmettono le persone che non conosco che hanno tanto da raccontare e tanto da dire.
  • Cosa vorresti accadesse in futuro per la tua carriera musicale?
  • Innanzitutto vorrei che il disco uscisse nella primavera del 2020 e che possa arrivare chiaro e tondo, a tutte le persone che ascolteranno l’album, il messaggio contenuto nei miei brani; anche se il focus è quello di fare musica, essere se stessi senza mai annientarsi. Il mio motto è sempre lo stesso : CHI LA DURA LA VINCE (tra l’altro titolo del mio primo album)!
  • E io citerei anche le parole di un artista che adoro: “Sognare in grande, ma restare con i piedi per terra!”. Ti ringrazio per la tua disponibilità!
  • Ma grazie a te! A presto!

Quando il make-up e la musica si fondono… (Intervista a Debora Manenti, vincitrice del Festival di Castrocaro 2019).

Ciao!

Come va? Spero tutto bene.

Io mi sto godendo gli ultimi giorni di libertà prima dell’inizio del secondo anno di Università. Sarà un anno impegnativo, ma sono sicura che mi permetterà di maturare ancora di più, oltre ad aumentare le mie conoscenze e competenze in ambito linguistico.

Adesso basta parlare di Università. In quest’articolo vi parlerò brevemente di una ragazza di 21 anni con un sogno: la musica. Fin da piccola ha coltivato il suo sogno, affiancata dai suoi genitori e da sua sorella, anche lei fortemente appassionata di musica e canto e, a 12 anni circa, ha iniziato a studiare canto. La musica è quella polverina magica che la fa sognare: il palco è la sua terra, il posto in cui si trova a suo agio, perché lì può essere veramente se stessa, senza filtri né maschere. Se fosse per lei, non scenderebbe mai dal palco per non smettere di cantare. Il canto è il suo modo di esprimere emozioni, di condividere messaggi sociali che non tutti avrebbero il coraggio di affrontare. Per questo la scelta di pezzi ardui, forti: perché la voce è uno dei veicoli migliori per lasciare un segno.

Sto parlando di Debora Manenti, vincitrice del Festival di Castrocaro 2019.

Non voglio scrivere nient’altro: sarà lei a raccontarsi, stavolta non attraverso il canto. Ecco a voi la nostra chiacchierata.

Video Casting Amici di Debora Manenti
Premiazione concorso canoro 30^ Goccia d’Oro ed esibizione canora di Debora con il brano “Look at me now” (Chris Brown)
Intervista a Debora su Rai2 nel programma “I fatti vostri”

Mamma, mamma … sono diventata famosa!

Ciao a tutti!

Mi scuso se ci ho messo un po’ per scrivere la continuazione dell’articolo precedente (http://lamusicadiadry.blogspot.com/2018/07/il-grest-che-passion-che-atomica.html), ma ho avuto diverse cose da fare, tra cui un piccolo viaggio (magari ne parlerò in un altro articolo).

Ho scelto questo titolo perché oggi trascriverò delle piccole interviste fatte ad alcune bambine frequentanti l’oratorio durante l’ultimo giorno di grest. Ho deciso di non parlare delle mie impressioni, bensì di lasciare la parola ai veri protagonisti: i ragazzi (e non solo …).

Mi è piaciuta la loro iniziale titubanza e timidezza, ma una volta rotto il ghiaccio, ho visto diverse bambine rincorrermi perché volevano essere intervistate, come se il mio blog fosse di fama mondiale. È anche questa la bellezza dei bambini: la loro ingenuità, spontaneità e fantasia. È quello che amo di più di loro, ed è per questo motivo che certe volte vorrei tornare bambina per ritrovare quella frizzantezza, quella luce negli occhi, quella voglia di vivere a colori. Per fregarmene dei giudizi della gente, per mostrarmi con le labbra sporche di gelato. Perché a quell’età non pensi a sembrare perfetta agli altri … non ne hai bisogno: la bellezza ce l’hai negli occhi e nel cuore, ce l’hai nel momento in cui pronunci delle frasi che lasciano tutti a bocca aperta, perché sorprendi tutti con la tua spontaneità.

Stash da piccolo (foto presa dal suo profilo instagram)



Ho deciso di trascrivere queste mini-interviste, ma spero che leggendole, immaginerete le espressioni di queste bambine. Io credo proprio che non dimenticherò facilmente  i loro occhi, i loro sorrisi e le loro facce apparentemente timide mentre parlavano.

Iniziamo da Sara, appartenente alla squadra kame (colore rosso).

IO: “Quali sono le tue impressioni riguardanti il grest Yubi 2018?”

SARA: “E’ stato tutto bello. Ho trovato degli animatori bravi, che hanno saputo ascoltarmi quando avevo bisogno di un consiglio. Ho inoltre fatto subito amicizia con i miei compagni di squadra, ed ho consolidato i rapporti con le persone che già conoscevo. Quindi mi piacerebbe partecipare nuovamente il prossimo anno.”

Passiamo a Sofia (squadra Rui, colore verde).

IO: “Scegli un aggettivo per descrivere il Grest”.

SOFIA: “Divertente. C’erano moltissimi giochi ed attività.”

IO: “Qual è stato il gioco che ti è piaciuto di più?”

SOFIA: “Pallaguerra” (un po’ come tutti i ragazzi).

IO: “Che mi dici invece dell’attività che hai scelto?”

SOFIA: “Allora, io ho scelto l’attività canto perché mi piace cantare, e vorrei continuare quest’attività per migliorare sempre di più”.

IO: “Cosa ti è piaciuto di più dell’attività “canto”?

SOFIA: “Il tema scelto e le canzoni (“Vivere a colori” e “Prendi un’emozione”), che si collegavano, appunto, al tema delle emozioni”.

Continuiamo con Naomi (squadra Shiro, colore giallo).

IO: “Qual è stato il tuo gioco preferito?”

NAOMI: “Tre passi”.

IO: “Come si gioca?”

NAOMI: “Ci sono due squadre. Il ragazzo di una squadra viene bendato, la squadra avversaria, sparsa per tutto il campo, deve cercare di non farsi prendere dal ragazzo bendato. Ogni ragazzo può però fare solo tre passi: se dopo questi viene toccato dal ragazzo bendato (che può muoversi liberamente lungo tutto il campo), viene eliminato.”

IO: “Quale attività fai?”

NAOMI: “Teatro. Ho scelto proprio questa attività perché l’anno scorso ho visto dei ragazzi recitare in oratorio (durante la serata finale del grest), e volevo far divertire come avevano fatto loro precedentemente.”

GIULIA (kame): “E’ stata una bellissima esperienza. Secondo me il grest è perfetto così com’è. Per questo mi piacerebbe tornare l’anno prossimo. Frequento l’oratorio da sei anni: avevo due anni quando sono venuta qui per la prima volta. Tra l’altro, anche mia mamma frequentava l’oratorio,e mi ha battezzata qui. E’ un luogo che amo perché mi permette di fare nuove amicizie e di crescere”.

GINEVRA (kame): “Frequento l’oratorio da un anno. L’attività che ho fatto durante il grest è stata ballo”.

IO: “Ti piacerebbe cambiare attività?”

GINEVRA: “Non so. Probabilmente continuerò col ballo, ma nel frattempo mi piacerebbe imparare qualche strumento musicale.”

IO: “Un’impressione veloce sugli animatori”.

GINEVRA: “Bravi e simpatici”.

P.s: Ma quanti complimenti stiamo ricevendo noi animatori!!! 🤩😍

GAIA (Ichiro, colore arancione): “Ho sette anni e mezzo. Frequento l’oratorio da un anno. Mi è piaciuto tanto il grest, e spero che resterà sempre così. Ho fatto canto come attività, ma anche danza classica (fuori dall’oratorio). Qui, invece, ho iniziato il Savio Club.”

IO: “Quindi da grande ti piacerebbe diventare un’artista, per esempio una cantante o una ballerina?”

GAIA: “No, mi piacerebbe fare la maestra delle elementari. Mi piacciono molto i bambini”

IO: “Hai qualche sorella?”

GAIA: “Si, due sorelle più piccole. Una ha 2 anni, l’altra nove mesi”

LETIZIA (Shiro): “E’ il più migliore di tutti i Grest del mondo! 😂 Ho fatto nuove amicizie un po’ con tutti, nonostante alcuni bambini all’inizio un po’ “severi”. Faccio canto come attività al grest. Suono già uno strumento: la chitalla … ehm, scusate, la chitarra. Mi ha insegnato mio fratello, che ha 10 anni.

Mi piacerebbe continuare con il canto e imparare a ballare. Da grande voglio fare la parrucchiera o la cantante!”

BEATRICE (Ichiro): “Ho sette anni e mezzo. Vado al grest qui in oratorio da due anni. La mia attività durante il grest è stata quella del canto, ma il resto dell’anno vado al Savio Club (sempre in oratorio).

Il canto è la mia più grande passione. A casa canto sempre. Prendo inoltre lezioni private di pianoforte.

Da grande vorrei cantare e scrivere canzoni, insomma … fare la cantautrice!”.

P.s: Faccio i complimenti a questa bambina. Già a quest’età ha le idee molto chiare!

ALESSANDRA (Rui): “Quest’anno al grest ho fatto canto. Suono anche il flauto, anche se da grande mi piacerebbe imparare a suonare il pianoforte. Durante l’anno in oratorio faccio manipolazione (art attack)”.

IO: “Cosa preferisci tra canto e manipolazione?”

ALESSANDRA: “Manipolazione. Mi piace molto creare, disegnare. Infatti da grande vorrei fare la stilista di moda!”.

Adesso è il turno di Matilde (Ichiro), 10 anni e mezzo, e Ginevra (Kame), 7 anni e mezzo. Sono amiche per la pelle, nonostante la differenza di età.

GINEVRA: “L’anno scorso eravamo nella stessa squadra. Io non avevo molti amici. Ho visto lei e mi sono affezionata subito”.

IO: “Che attività fate?”

GINEVRA: “Io ballo”.

MATILDE: “Canto”

IO: “Quali attività fate durante l’anno?”

MATILDE: “Io al Savio Club faccio canto, ma anche ballo fuori dall’oratorio”.

GINEVRA: “Io ginnastica, però non in oratorio”.

IO: “Un aggettivo per definire la vostra passione”

GINEVRA: “Io credo di essere nata per fare la ginnasta, per muovermi, dato che a 5 anni ho fatto la ruota senza che qualcuno me lo insegnasse. E’ stata una passione nata da me, nessuno mi ha spinto ad intraprendere questa strada. All’inizio mia mamma non voleva, ma alla fine sono riuscita a convincerla”.

MATILDE: “Io invece ho iniziato a fare canto qui in oratorio, perché secondo me è la mia passione. Infatti quest’anno mi sono presa di coraggio ed ho iniziato a studiare canto professionalmente. E’ una cosa che mi parte da dentro, che non so spiegare”.

IO: “Secondo me questa è una cosa che accomuna un po’ tutti gli artisti. La musica è un’arte, ed è un qualcosa che va al di là di tutto, è pura magia. E’ un qualcosa che riesce a far superare le tue paure. Tu, per esempio all’inizio, eri molto timida. Adesso sei riuscita ad abbattere questo muro e a salire sul palco più tranquilla. A proposito, quando sei sul palco, cosa senti?”

MATILDE: “Quando inizio a cantare sento qualcosa che mi porta a non smettere più, perché mi rende felice!

Quando sono di fronte al pubblico, cerco sempre di dare il massimo, anche se certe volte mi sento un po’ insicura. Preferisco sicuramente emozionare il pubblico che essere perfetta nella voce, ma non trasmettere nulla alla gente”.

IO: “Qual è stata la prima canzone che hai cantato in oratorio?”

MATILDE: “Se ricordo bene L’isola che non c’è”.

Ringrazio tutti i bambini che mi hanno permesso di scrivere questo articolo, sono stati tutti fantastici!


Ma non è finita qui, perché ho intervistato anche un’altra persona, di qualche annetto più grande.

Si chiama Andrea, ed è stato inviato da Messina nel nostro Oratorio per completare una parte della sua formazione che lo porterà a diventare sacerdote.

Iniziamo subito.

ANDREA: “Il grest è una macchina complessa che deve essere curata costantemente per offrire un servizio migliore ai ragazzi. Bisogna mirare avanti per la loro crescita, anche perché l’importante è non stare mai fermi, ma sentirsi sempre in cammino.

Per quanto riguarda i ragazzi, da una parte ho trovato giovani all’inizio diffidenti (non si aprivano subito).

Nonostante fosse difficile capirli e gestire la situazione, sono stati coloro che mi hanno lasciato di più.

Una cosa importante in questi casi è quella di stimolare la loro crescita, di non mollare la presa subito, ma di star loro dietro. Lo so, è difficile, ma è questo quello che fa la differenza. È facile fare l’animatore con i ragazzi meno vivaci. Dobbiamo ricordarci che ci sono 520 cuori che pulsano, al di là della “simpatia” o “antipatia”, al di là di tutto.

Concentrandomi più sugli animatori, ci sono diversi livelli di responsabilità in base alla maturità individuale, questo è ovvio, ma in generale c’è buona stoffa”.

IO: “ C’è qualcosa di questa grande macchina come la chiami tu che avresti voluto cambiare?”

ANDREA: “Si. Una cosa che dovrebbe essere sistemata è l’organizzazione. È importante non preparare le cose all’ultimo minuto. Si deve dare l’impressione di improvvisare, ma si deve sempre avere tutto sotto controllo. Perché i ragazzi se ne accorgono. E poi, se le cose vengono fatte all’ultimo momento, non puoi metterci tutto te stesso. Perché non sai bene quello che stai per fare.

Infine, credo che si debbano dare più possibilità ai ragazzi nell’esprimere i loro talenti. Da questo punto di vista, l’oratorio intero dovrebbe muoversi di più per far crescere i giovani maggiormente”.

Il grest che passion… che atomica invenzion!!!

Giorno 25 luglio si è concluso il GR. EST. “Yubi 2018” organizzato presso l’Oratorio Salesiano di Gela. 

Come avevo già detto nel mio primo articolo (“INIZIO’ TUTTO”), l’oratorio è stato il luogo in cui ho preso coscienza della mia passione per la musica e che ha forgiato il mio carattere. Questo anche grazie al gr.est. (gruppo estate). Si tratta cioè di una “versione estiva” dell’oratorio dedicata ai ragazzi. 

Qui ho avuto la possibilità di mettermi alla prova come animatrice, nonché come educatrice dei bambini… un compito mooolto arduo, che mette a rischio la tua sanità mentale. A parte gli scherzi, come ogni cosa, ci sono i lati positivi e negativi e, nonostante tutto, fare l’animatrice è veramente un’esperienza che ti aiuta tantissimo nella tua crescita personale. 

Nel caso dell’oratorio salesiano di Gela, possono partecipare al grest i ragazzi che vanno dai 7 ai 15 anni, divisi in tre fasce: piccoli (7-9 anni), medi (10-12 anni), grandi (13-15 anni), divisi a loro volta in quattro squadre: Kame (colore rosso), Rui (verde),  Ichiro (arancione), Shiro (giallo). 

Ogni gr.est si basa su una storia: quest’anno il grest yubi racconta l’avventura di due giovani, Ichiro e Rui, appartenenti a due villaggi, Meyo e Sonkei, un tempo alleati. Ai due ragazzi è stato consegnato un mandato di Giada, grazie al quale Ichiro ha ricevuto lo scrigno della luce, mentre Rui ha ricevuto il pennello della parola. 

Nonostante le prime inimicizie, i due hanno deciso di collaborare per catturare le quattro luci che avrebbero sconfitto lo spirito della paura, regnante sovrano a causa dell’astio tra le due popolazioni. 

Ogni luce che Ichiro catturava con il suo scrigno grazie al pennello di Rui che scriveva il nome della luce e l’avvicinava a loro veniva custodita in un palazzo, il cui custode era Shiro, guida e consigliere dei due giovani. Altra figura importante è stata Tori, un pollo che è riuscito a combattere le sue paure interiori, salvando addirittura Ichiro e Rui dalle grinfie della paura. 

Questa storia è stata utilizzata per insegnare ai ragazzi qualcosa che va oltre i giochi, qualcosa di cui potranno fare tesoro ed utilizzare nella vita di tutti i giorni. Anche perché, loro sono gli adulti del domani, e noi animatori abbiamo il dovere di fare del nostro meglio (nonostante tutto) per cercare di trasmettere a questi ragazzi dei grandi valori (che, come ho detto, non sono illusioni, ma possono essere applicate nella società… dobbiamo crederci solo un po’ di più. Se solo ci provassimo, probabilmente il mondo non sarebbe così male… ). Quindi l’oratorio ha il compito di formare i giovani. Questo grazie alle formazione, attività svolta durante il grest una volta a settimana, in cui si fanno visionare degli episodi della storia, si sceglie una parola chiave e si discute su di essa. Una tra quelle che mi hanno colpito di più è stata quella del “coraggio”. Per la buona riuscita della formazione, gli animatori hanno preparato un percorso ad ostacoli. Dopo aver sistemato i bambini a coppie, è stato spiegato il gioco: ogni coppia doveva avere un bambino bendato che doveva superare glj ostacoli secondo le indicazioni dettate dal suo compagno. È stato bello vedere i bambini divertirsi, ma nello stesso tempo mettersi alla prova e fidarsi del proprio compagno (e non è facile). 

Ma il grest non è fatto solo di formazione. Come ho detto prima, ci sono i giochi (pallaguerra, lo scalpo, bandierina a 4, tiro alla fune, ecc… ), che vengono alternati la mattina e il pomeriggio con le attività. Quest’ultime mirano a spronare i bambini a fare qualcosa che potrà col tempo diventare non solouna passione, ma anche un vero e proprio hobby: calcio, pallavolo, basket, canto, ballo,zumba, laboratorio di moda, art attack, ping pong, ecc… (vi parlerò meglio dei giochi e delle attività in un altro articolo… Ci saranno delle piccole grandi sorprese, quindi stay tuned!).

Io ho avuto la possibilità di gestire insieme ad altri animatori l’attività canto (anche qui la musica mi ha attratta). È stato stupendo vedere, durante la serata finale, i bambini che cantavano emozionati le canzoni che avevamo provato un miliardo di volte… anch’io mi sono emozionata molto nel vederli, mi ha portata un po’ indietro nel tempo. E poi, nonostante tutto, i bambini sono dolci, spontanei, VERI… qualche volta dovremmo prendere esempio da loro, invece di stare sempre a sentenziare sulla loro spontaneità. 

Comunque, non voglio dilungarmi troppo, non voglio annoiarvi. Dico l’ultima cosa: quest’anno ho trovato alcuni bambini non facili da gestire, ma anche questo mi ha aiutata a crescere. Nonostante la mia squadra (Kame)  non abbia vinto, sono felice lo stesso, perché  farò tesoro di quest’esperienza. Spero che potrò mettere in atto gli insegnamenti ricevuti in questo mese di grest, e che l’anno prossimo (se avrò la possibilità, dato che andrò all’Università), farò ancora meglio. 

Vi lascio con delle foto scattate durante il grest.

La fatina del sorriso

Buongiorno!

Oggi voglio dedicare questo post ad una bellissima iniziativa organizzata da un’insegnante della scuola primaria, nonché una tra le persone che mi hanno aiutato nella mia crescita formativa in oratorio: Milena Pizzo. Infatti, oltre ad essere una bravissima educatrice in campo musicale, è anche una persona di cuore, che, nonostante i suoi mille impegni,  riesce sempre a trovare un po’ di tempo da dedicare ai giovani in oratorio (e non solo). Infatti, trova anche il tempo per mandare avanti il sogno di una bambina: la scrittura. Ama infatti tantissimo inventare delle bellissime storie. Allora la maestra Milena ha deciso di coinvolgere tutta la classe e di pubblicare dei video su youtube in cui Mariachiara, insieme ai suoi compagnetti, racconta delle storie inventate totalmente da lei!

Non aggiungo più nulla. Vi lascio il link della presentazione del progetto, a cui sono collegati i diversi video contenuti nel canale “La fatina del sorriso”!

Una buona visione!

Pino é… mille culure

Forse vi starete chiedendo chi è questo bel giovanotto nella foto. Ecco svelato: è (stato) uno tra i più grandi artisti (ma di quelli veri) della musica napoletana e italiana: Pino Daniele.

Scrivo proprio stasera quest’articolo in occasione del concerto-tributo  “Pino è”, in onda su Rai 1, il cui ricavato andrà all’associazione “Pino Daniele Trust Onlus”, insieme all’Associazione Oncologia Pediatrica e Neuroblastoma e  Save the Children.

Al concerto partecipano i cosiddetti “Amici di Pino”: tra i cantanti, ritroviamo Alessandra Amoroso, Biagio Antonacci (con il quale duettò nella loro canzone “One day”), Enzo Avitabile, Claudio Baglioni, Mario Biondi, Francesco De Gregori, Tullio De Piscopo, Elisa, Emma, Tony Esposito, Giorgia, J-Ax, Jovanotti, Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, Eros Ramazzotti, Ron, Tiromancino, Giuliano Sangiorgi, James Senese, Antonello Venditti, Gigi De Rienzo, Rosario Jermano, Agostino Marangolo, Ernesto Vitolo, Loredana Bertè, Clementino, Teresa De Sio, Enzo Gragnaniello, Irene Grandi, Il Volo, Marcus Miller, NCCP – Nuova Compagnia Di Canto Popolare, Raiz, Massimo Ranieri, Red Canzian, Francesco Renga, Paola Turci, Ornella Vanoni.

Tra gli attori e i personaggi dello spettacolo abbiamo, invece, Alessandro Siani, Giorgio Panariello, Pier Francesco Favino, Enrico Brignano, Edoardo Leo, Vincenzo Salemme, Marco Giallini, Marco D’Amore, Salvatore Esposito, Mariangela D’Abbraccio, Enzo Decaro e tanti altri ancora.

Vi lascio qui le foto di alcuni artisti precedentemente nominati.

Pino Daniele ed Avitabile
Pino Daniele e J-Ax
Alessandra Amoroso, Pino Daniele ed Emma Marrone
Pino Daniele e Biagio Antonacci
Pino Daniele e Francesco De Gregori

Jovanotti, Pino Daniele ed Eros Ramazzotti

Pino Daniele e Giorgia

Pino Daniele e Jovanotti

Pino Daniele e Roberto Murolo

Pino Daniele e Fiorella Mannoia

Pino Daniele e Laura Pausini

Pino Daniele ed Elisa

Pino Daniele e Mario Biondi

Pino Daniele ed Antonello Venditti

Pino Daniele e Claudio Baglioni

Pino Daniele e Tullio de Piscopo

Pino Daniele ed Irene Grandi

Pino Daniele e Massimo Ranieri

Pino Daniele e Francesco Renga all’Arena di Verona il 1 settembre 2014. ANSA
Pino Daniele e Giuliano Sangiorgi

Non voglio parlare della storia di Pino Daniele, perché sarebbe troppo riduttivo. E’  stato di un’immensità assurda e lo sarà per moltissimo tempo ancora.

Dico solo una cosa: grazie ad alcune cover fatte dai Kolors ad Amici 14, ho avuto la possibilità di conoscere (purtroppo tardi) il tuo talento indescrivibile. È stato proprio da quando Stash ha cantato “A me me piace o blues” (https://www.youtube.com/watch?v=JuQ4WqD_6tU) e “Napul’è” (https://www.dailymotion.com/video/x3hzldz) che ho iniziato ad ascoltare le sue canzoni. Mi sarebbe piaciuto andare ad un suo concerto. 

Potrà sembrare una cosa stupida, ma certe volte mi capita di immaginare di viaggiare nel tempo e di incontrare i grandi del passato.

Per esempio, mi piacerebbe chiedere a Dante Alighieri se era sotto l’effetto di sostanze stupefacenti quando scrisse La Divina Commedia (ovviamente scherzo); mi piacerebbe dire a Leopardi e Svevo che le loro opere sono state stampate su tutti i libri scolastici, e che quindi hanno avuto il successo tanto sperato. 

Vorrei parlare con Pino Daniele per farmi raccontare tutta la sua vita, i sacrifici fatti per la musica, i suoi fallimenti, i suoi successi, e magari, chiedergli di cantare una canzone, tanto per sentire la sua voce “dal vivo” (sicuramente avrei i brividi). 

A proposito di brani, vi lascio il link di una tra le mie canzoni preferite di Pino Daniele : Quanno chiove (https://www.youtube.com/watch?v=fkY4d9ICE9w).


“E aspiette che chiove,

l’acqua te ‘nfonne e va

tanto l’aria s’adda cagna”.


(“E aspetti che piova,

l’acqua ti bagna e va

tanto l’aria deve cambiare”).


Vi lascio con una foto che raffigura Pino con un bellissimo sorriso. Che quel sorriso possa restare sempre sulle espressioni della gente ogni volta che ascolta una sua canzone, anche se credo che già molti, come Alessandra Amoroso, lo fanno. Lo dimostra cantando, ma anche parlando di questo grandissimo artista:  (https://www.facebook.com/BigFamilyLaRivista/videos/1772683369446648/) (preso dal sito facebook “Big family- La rivista); (https://www.instagram.com/p/BjwupcTFg_l/?utm_source=ig_share_sheet&igshid=6t9q7tkh11a0) (preso dalla fan page di instagram “Stupendo fino a qui”).