Sogno o son desto… Voodoo Dream! (Intervista a Michele Boni)

Ciao! Presentati.

Ciao! Mi chiamo Michele Boni e sono un chitarrista, polistrumentista, docente e compositore originario di Napoli ma stabile da quasi dieci anni a Milano.

Quando hai iniziato a fare musica?

Ho iniziato a fare musica in giovane età approcciandomi alla chitarra classica, poi pian piano ho cominciato ad appassionarmi ad altri strumenti cordofoni.

C’è stato un momento preciso in cui hai capito che volevi vivere di musica?

La mia passione per la musica nasce come una vera e propria folgorazione!

Ricordo che dal primo momento in cui ho preso in mano una chitarra ho capito che la musica sarebbe stata molto più che una semplice passione.

Sinceramente non ho mai avuto dubbi su ciò che avrei voluto fare da grande ma se esiste un momento in cui ne ho avuto la certezza assoluta è quanto quando per la prima volta sono salito su un palco importante come quello dell’Ariston di Sanremo.

Ho avuto l’adrenalina addosso per giorni ed ho pensato :” Sì, questa è la vita che fa per me”.

“Voodoo Dream” è la prima traccia del tuo album “In Compass Time”. Cosa significa per te “Voodoo dream”?

Comincio dicendo che ancora non ho una data esatta di uscita poiché, in periodo di Covid, mi sono preso un attimo di tempo per attendere gli sviluppi riguardanti la musica live e l’industria discografica.

Ho scelto di esordire con il singolo “Voodoo Dream” perché mi ha dato la possibilità di girarne il videoclip nella mia amata Procida. Questo titolo deriva dal fatto che ho scritto questo brano in tardissima notte sul mio terrazzo procidano mentre ero in uno stato tra il sonno e la veglia, ed è quindi per me un vero e proprio sogno lucido nato tra i colori dell’alba che si riflettevano sul borgo della terra murata ed il porticciolo della Corricella.

All’inizio il brano è caratterizzato dal suono solista del Charango, accompagnato poi dalle onde del mare dell’isola di Procida, in cui è stato girato in video, dal basso, dai tamburi e dagli archi. I vari strumenti, in piena armonia tra loro, creano una melodia esotica, dando all’ascoltatore quasi l’impressione di essere trasportato nell’isola, sentire l’odore del mare e ammirare il paesaggio mozzafiato.

Questo era un po’ il mio obiettivo, far viaggiare le persone con la musica (per ora ci accontentiamo dei viaggi “mentali”).

Riguardo gli strumenti, il Charango ha origini peruviane, simile per certi versi ad un ukulele ma con un suono sicuramente più esotico.

A contribuire a questo sound esotico ci sono due strumenti in particolare, ovvero il duduk (flauto di origine armene che ricorda il suono di una voce umana) ed il flauto di pan (detto anche zamponha), entrambi suonati da musicisti stranieri, cosi come le percussioni. Ho cercato di unire le influenze marcatamente etniche di questi strumenti con un senso melodico e ritmico più “pop” e per certi versi europeo.

Una delle cose più belle che mi ha offerto la vita fin ora è stata quella di poter viaggiare con la musica e per la musica. Ho suonato molto in giro per il mondo con musicisti di tantissimi Paesi diversi, e molti di loro sono presenti in questo disco.

Le sonorità di quest’album, infatti, derivano molto dai musicisti che vi hanno partecipato e Voodoo Dream ne è solo un piccolo assaggio!

Potrete infatti sentire sezioni di percussioni dal Brasile o dall’India, flauti dall’ Irlanda, Bandoneon dal Chile, Duduk dalla Turchia, Kalimbe da Capo Verde e tanto altro ancora che porteranno la vostra immaginazione in giro per il mondo a tempo di bussola!

Il video di “Voodoo Dream” ha ottenuto il Patrocinio del Comune da parte dell’Assessore alla Cultura dell’Isola. Non male direi!

Come ho sempre tenuto a specificare durante la campagna pubblicitaria per questo singolo, Procida per me non è solo una seconda casa ma è la mia isola felice, di cui mi sento cittadino a tutti gli effetti.

Girare il mio primo videoclip da solista in questi luoghi è stata una scelta di cuore ed aver ricevuto il patrocinio onorario dall’assessorato al turismo è ragione di grande orgoglio per me.

Il merito per tutto questo devo sicuramente condividerlo con una art director di eccezionale talento, nonché carissima amica, Irene Sarlo. Grazie alla sua mano delicata ed esperta siamo riusciti ad ottenere un risultato di cui vado molto fiero e che ci sta dando moltissime soddisfazioni in Italia e nel mondo.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Come dicevo ad inizio intervista, in questo periodo di forti incertezze è difficile fare programmi senza sapere quando riprenderanno le stagioni concertistiche.

Posso però dirvi che sto scrivendo un metodo di ukulele e sto lavorando con alcuni artisti pop tra cui Gaia Gozzi, quest’anno a Sanremo.

Per il resto spero di ritornare sui palchi italiano ed esteri quanto prima possibile!

Grazie mille per il tuo tempo. È stata una bella chiacchierata! Ad maiora semper!

Grazie a te Adry!

PER VEDERE IL VIDEO DI VOODOO DREAM:

PROFILI SOCIAL DI MICHELE BONI:

MIEI PROFILI SOCIAL:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...