“The Urban Pop Diva” (Intervista ad Eliza G)

La passione per la musica può essere così forte da non farti quasi dormire la notte; ti perseguita fino a che non diventa la tua quotidianità. Bisogna essere disposti a fare molti sacrifici per far diventare il proprio sogno realtà, anche andare all’estero ed allontanarsi dalla propria amata terra. Ed è proprio questo ciò che Elisa Gaiotto, in arte Eliza G, ha fatto; perché molto spesso l’Italia non riconosce la stoffa, costringendo molti ragazzi talentuosi a scappare in altre nazioni per crearsi un futuro migliore.

Vi lascio la mia video-intervista e, spostando la barra di scorrimento verso giù, trovate l’intervista scritta. Ho deciso di presentarvi entrambe le varianti d’intervista per permettere a chiunque e in qualsiasi momento di leggere/ascoltare le mie chiacchierate con questi artisti eccezionali!

Se volete, potete lasciare un commento. Mi piacerebbe tanto leggere cosa ne pensate del mio progetto blog.

Detto ciò, buona lettura/visione!

Ciao! Presentati!

Sono Elisa Gaiotto, in arte Eliza G. Ho voluto mantenere il mio nome di battesimo, ma l’ho reso un po’ più “internazionale” , nel momento in cui è iniziata la mia carriera da solista dieci anni fa con Roberto Zanetti, l’ex produttore di Alexia e Corona. È stato un percorso faticoso, ma meraviglioso, che mi ha portato a visitare tante parti del mondo, dal Brasile alla Svizzera, l’Inghilterra, fino in Spagna. Ho iniziato nel settore pop dance, ma fin dall’età di 14 anni ho sperimentato tutti gli stili. Avevo una band con cui facevo rock, acustico, funky … insomma, mi piaceva (e mi piace ancora oggi) molto sperimentare.  Questo percorso pop dance è proseguito negli anni in maniera un po’ più fruttuosa all’estero rispetto all’Italia, grazie al mio attuale manager e produttore Saint Paul. Quest’anno, è uscito il mio nuovo album, “Ninety” (https://www.youtube.com/watch?v=UuDXMg7ukIw&list=OLAK5uy_lTAG3XN4GhuFbPfbs2L-SIshCWilx6ikk), che ho avuto l’immensa fortuna di presentare durante il mio live in diversi Paesi, tra cui il Brasile.

Con “Summer lie” (2009) e “Love is unblound” (2011) hai cavalcato le classifiche internazionali. Inoltre, nel 2012 è uscito “My love is love” (del Maestro Giancarlo Bigazzi), nel 2013 “The way”, prodotta da David Guetta. Che emozioni hai provato a collaborare con professionisti di tale calibro?

Allora, per quanto riguarda il brano “The way”, è stato lavorato tra l’Italia e lo studio parigino di David Guetta, quindi non è stata una collaborazione diretta. È stato un singolo di successo, con 10.000 copie vendute solo in prevendita. La cosa che mi da un sorriso amaro è il fatto che la musica prodotta in Italia molto spesso (e il mio caso è perfetto) per avere successo debba essere inevitabilmente esportata all’estero. Soprattutto i primi singoli mi hanno aperto la strada verso il Sud America, in cui ho partecipato a festival importanti, ho collaborato con diverse radio e televisioni locali, ho fatto anche tanti concerti. Mi sono dunque trovata catapultata in un mondo totalmente diverso, mondo che veniva “infranto” oserei dire nel momento in cui tornavo in Italia, nel senso che ricominciavo a fare serate più intime, da 50/100 persone, in club e pub vari con la mia band (naturalmente sempre con grande soddisfazione ed umiltà).

Ed è proprio questo il punto debole della musica italiana. In Italia non ci si rende conto del talento nostrano, ma si guarda con più esuberanza alla musica internazionale, cancellando ogni traccia di orgoglio nazionale.

Che tra l’altro è una contraddizione pazzesca , perché l’Italia è il Paese per antonomasia dell’arte, della cultura. Questo perché non le si guarda con positività. Purtroppo, ci sono pochi spazi, e questi spazi (è brutto da dire, ma è la verità) sono “predestinati”, ricoperti sempre da una solita cerchia. Ripeto, non sputo sul piatto in cui mangio, però è anche giusto dire le cose come stanno e non vivere nel Paese dei Balocchi: noi italiani sbagliamo a valutare noi stessi, perché all’estero l’Italia è vista come la nazione più “wow”! Noi abbiamo paura di dire che siamo italiani, quando invece durante i miei concerti all’estero, nel momento in cui si scopriva che ero italiana, a tutti brillavano gli occhi.

Questo probabilmente perché c’è troppa ignoranza e troppa poca cultura. Non conoscendo il nostro passato e le nostre capacità, è ovvio che ci sottovalutiamo. Solo conoscendo la “farina del proprio sacco” si può imparare a guardare alle altre culture con la giusta apertura mentale.

Assolutamente sì! È uno scambio e un arricchimento continuo perché, conoscendo le altre culture, impari ad analizzare ed apprezzare maggiormente la tua!

A parer mio, il problema dell’italiano medio è la sua saccenteria, il suo essere molto critico e poco autocritico. Non si osserva, non si guarda all’altro con curiosità per migliorare ancora di più se stessi, ma si tende ad affossare il “nemico”. Posso dire che lo spirito di collaborazione che c’è fuori è assurdo! Per mia grande sorpresa, sono stata scelta tra i 12 partecipanti provenienti da tutto il mondo al “Cerbul de Aur” (Cervo d’Oro in italiano), che sarebbe un equivalente del nostro Festival di Sanremo, il terzo festival più importante in Europa dopo l’Eurovision, e con mio grandissimo stupore ho vinto il Festival. Ti posso dire che lo spirito di aggregazione tra noi artisti e con il team che lavorava con loro è stato qualcosa di grandioso.

Non per niente in Latino America  sei chiamata la “Urban Pop Diva”. Nonostante questo, però, hai deciso di tornare in Italia per partecipare a “The voice” e di crescere artisticamente assieme al coach, nonché al grandissimo artista Gigi D’Alessio (ti confesso che quand’ero bambina era il mio idolo). Al di là del genere che può piacere o meno, ha una professionalità assurda (non per niente ancora oggi è un cantante di successo).

Allora, intanto devo confessarti che all’inizio non avevo considerato quest’opportunità, perché non mi andava molto a genio l’idea di partecipare ad un talent show. Successivamente, ho pensato di partecipare a quello che  mi sapesse più di tutti di musica, appunto, The Voice. Quando ho scoperto di aver passato il primo provino, e che quindi avrei dovuto affrontare le Blind Auditions (video esibizione: https://www.youtube.com/watch?v=3w1-lXx8bRE), sono andata lì senza alcuna pretesa; addirittura con un po’ di incoscienza perché rischiavo di rovinare anni di carriera se avessi fatto una brutta figura. Invece, con mia grande sorpresa, si sono girati tutti e quattro i giudici. Io speravo fin dall’inizio che si girasse almeno Gigi, perché ha una competenza musicale infinita, e inoltre mi ha sempre dato l’idea di essere una persona propositiva e solare, e in  effetti è stato proprio così! Una persona squisita, semplice, che mi ha aiutato tanto, e soprattutto una persona pratica. C’era sempre, anche durante le prove, anche quando non era tenuto ad esserci, in sala prove; per me è stato quello il senso di The Voice!

È proprio bella quest’umiltà che hai, perché nella vita non si smette mai di imparare!

Quando eserciti un qualsiasi mestiere, che sia o artistico, o imprenditoriale, comunque cerchi di prefissarti degli obiettivi a breve, medio e lungo termine, e cerchi passo passo di raggiungerli. Quindi non si finisce mai di imparare, è una crescita continua, ed è proprio questo il bello!

Toglimi una curiosità: c’è stato qualcuno che ti ha spinto ad intraprendere questa strada o hai fatto tutto da sola?

Allora, intanto preciso che la mia non è una famiglia di musicisti, come di solito si sente dire da molti cantanti. A 8 anni la figlia di amici studiava pianoforte, quindi ho deciso di chiedere ai miei di iscrivermi ad un corso di pianoforte. Per un po’ d’anni mi sono dunque dedicata allo studio della musica classica. Arrivata ai 13-14 anni ho capito che volevo far altro, allora ho deciso di iscrivermi alla band d’istituto delle scuole superiori come tastierista, ma mi sono cimentata nel ruolo di cantante dato che c’era questa carenza. La prima canzone che ho cantato è stata “Animal instinct” dei Cranberries (1998); da lì è iniziato tutto. Ero l’unica ragazza, quindi mi trattavano come un maschio, caricavo e scaricavo l’attrezzatura, montavo l’amplificazione, ho imparato molto da quell’esperienza.

I miei genitori sono sempre rimasti perplessi di questo mio talento; forse avrò preso dal nonno, che suonava la tromba nella banda del paese, ma non era il suo mestiere. Nonostante ciò, mi hanno sempre appoggiata, anzi, mi hanno incoraggiata ogni volta.

Bellissimo. Una fortuna che non tutti hanno. Un’ultima domanda: con chi ti piacerebbe collaborare in futuro e quali sono i tuoi progetti? (Piccolo spoiler XD)

Io ascolto tanto di tutto, quindi non ho un artista preferito da scegliere. Fanno parte tutti di generi completamente diversi. Come artista internazionale, adoro Lady Gaga, lei sarebbe la mia prima scelta. Come artisti italiani, sono un po’ più “old school”: mi sono sempre piaciuti Nek, i Negramaro, andiamo quindi a toccare il genere rock.

Come progetti futuri, posso dirti che farò un sacco di cose fighe in Romania, tra cui programmi televisivi. Sto lavorando a un po’ di progetti che per ora rimangono top secret, fino a quando non saranno certi, ma posso assicurarti che ci sono tante cose che bollono in pentola! Sono molto positiva!

Perfetto! Allora ti seguiremo per scoprire cosa ci nascondi! Io ti ringrazio per quest’intervista/chiacchierata. So che sei molto impegnata, quindi grazie per il tempo che mi hai dedicato!

È stato un piacere! Grazie a te, sei stata gentilissima e piacevole! A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...